Login |  Registrati 

NB: La redazione di mininterno.net non si assume alcuna responsabilità riguardo al contenuto dei messaggi.

OPERATORE GIUDIZIARIO - PRONTI AD IMPUGNARE IL BANDO SE DISCRIMINA IL MERITO E LA GENERAZIONE NATIVA DIGITALE
475 messaggi, letto 13951 volte

Registrati per aggiungere questa o altre pagine ai tuoi Preferiti su Mininterno.

Torna al forum  - Rispondi    


Pagina: 1, 2, 3, 4, 5, 6, 7, 8, 9, 10, 11, 12, 13, 14, 15, 16

Da: Qui si parla di ministero della 17/10/2019 10.45.14
Giustizia
Ministero della Giustizia che ha deciso di assumere con un bando preistorico 
Rispondi

Da: viktor81 17/10/2019 11.36.20
nn è' preistorico.anziche scegliere i disabili facendo riferimento all ufficio d collocamento obbligatorio tramite graduatorie ed esperienze,stavolta prendono disoccupati normodati.io come disabile sapessi quante volte ho letto sula gazzetta avviamenti d questo tipo in carico alla provincia competente da parte del ministero,a volte riservata ai ciechi.nn potevo far domanda se riguardava il mio comune,andavano in base alla graduatoria.il diploma richiesto era sempre terza media.ora invece cercano gente come voi con tutti quei requisiti e non disabili.
Rispondi

Da: Il paragone non regge 17/10/2019 11.51.07
Nel caso in oggetto si va ad assumere persone che già sono state privilegiate perché scelte per fare un tirocinio e alle quali sono stati dati punti in regalo già in recenti concorsi.Non essendo ancora riusciti a sistemarli adesso si è deciso direttamente di assumerli discriminando una marea di persone colpevoli solo di non aver fatto un tirocinio( privilegio riconosciuto a pochi).Volendo riferirlo alla disabilita è come se dopo aver offerto un tirocinio solo ai non vedenti, si decide di assumere a tempo indeterminato solo i non vedenti anche se trattasi di lavoro che può essere svolto anche dai sordomuti.
Rispondi

Da: Un bando privato 17/10/2019 11.56.16
È un bando privato
Rispondi

Da: eccoperch17/10/2019 11.56.21
ma voi sapete perchè fu istituito l'ufficio del processo e chi furono le persone chiamate ad effettuare i tirocini?
Rispondi

Da: Dicci pure ma poi 17/10/2019 11.58.11
Dicci anche se il fatto che ti abbiano scelto per fare un tirocinio non rappresenta già di per sé un aiuto che altri non hanno avuto
Rispondi

E' uscita l'App ufficiale di Mininterno per Android.
Scaricala subito GRATIS!

Da: Sto semplicemente dicendo che 17/10/2019 12.01.45
Stati privilegiati prima( vi hanno offerto un tirocinio) durante( vi hanno regalato punti in più al concorso come assistente giudiziario) e dopo.....vi confezionano un'assunzione a tempo indeterminato calpestando il merito del personale in servizio e degli idonei disoccupati e non
Rispondi

Da: eccoperch17/10/2019 12.06.03
lavoratori in mobilità, cassintegrati, disoccupati o inoccupati e giovani laureati disoccupati o inoccupati) e da ultimo individuati attraverso la procedura concorsuale indetta con decreto interministeriale del 20 ottobre del 2015, emanato in attuazione dell'articolo 21-ter del decreto-legge 27 giugno 2015, n. 83, convertito, con modificazioni, dalla legge 6 agosto 2015, n. 132, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 257 del 4 novembre 2015, che prevede l'istituzione del cosiddetto Ufficio del Processo;
Rispondi

Da: E quindi? 17/10/2019 12.07.35
E con questo?
Rispondi

Da: Siete stati aiutati 17/10/2019 12.09.16
Dallo stato che vi ha scelto per fare un tirocinio formativo.Un tirocinio formativo stop
Rispondi

Da: Perché dopo essere stati già aiutati 17/10/2019 12.10.34
Dallo stato vi viene riservata un'assunzione a tempo indeterminato in una pa?????????
Rispondi

Da: Certo la solita litania...... 17/10/2019 12.13.30
Perché  ci hanno sfruttato gne gne perché ci davano pochi soldini gne gne...Le condizioni non le conoscevate?????Cosa avete firmato?Sapete leggere? Chi vi ha obbligati ?


  
Rispondi

Da: Li avete fatti per anni i tirocinii per anni 17/10/2019 12.15.48
Da sottopagati solo perché miravate con l'aiuto dei sindacati compiacenti a farvi assumere senza aprire uno straccio di libro e a studiare per un concorso
Rispondi

Da: Lo stato vi ha sfruttati? 17/10/2019 12.18.33
Lo stato vi deve risarcire?Benissimo,vi dà il tfr ed altri emolumenti e stop.Non certo un'assunzione a tempo indeterminato senza che abbiate fatto NULLA!!!!
Rispondi

Da: eccoperch17/10/2019 12.41.06
il tfr ed altri emolumenti? ma sapete cos'è un tirocinio? ma avete mai partecipato a una selezione in una pa? ma sapete che anche nei concorsi vengono dati punti in più (titoli di servizio) a chi ha già lavorato nella pa? ma sapete che alcuni regolamenti regionali hanno previsto che in tutte le selezioni siano preferiti coloro che hanno già lavorato all'interno della pa? Sapete che alcune volte i lavoratori a tempo determinato vengono direttamente "stabilizzati" senza bisogno di concorrere nuovamente per la posizione e voi non ne sapete un bel nulla perchè pubblicano la determina solo 5 giorni in albo pretorio?
Rispondi

Da: eccoperch17/10/2019 12.42.06
io aspetto con ansia i vostri ricorsi...fatemi sapere quando organizzate la class action
Rispondi

Da: soleluna88 17/10/2019 12.45.22
c'è una gran confusione
Rispondi

Da: Riuscire a non rispondere 17/10/2019 12.46.47
Neanche a una domanda è comunque un merito.Abituati a trattare con i sindacati.........
Rispondi

Da: Questo bando è riuscito a fare 17/10/2019 12.56.41
Imbufalire oltre chi i tirocinii non l'ha mai fatti anche una grossa fetta di tirocinanti che saranno tagliati fuori.Insomma un bando pensato proprio male
Rispondi

Da: soleluna88 17/10/2019 13.00.22
CONFERMO

lettera aperta al Ministro Bonafede sul bando per 616 operatori giudiziari!


Al Ministro della giustizia On.le Dott. Alfonso Bonafede.

E, p.c.: Sottosegretario di Stato On.le Dott. Vittorio Ferraresi

Sottosegretario di Stato On.le Dott. Andrea Giorgis

Caro Signor Ministro, il Bando sui 616 operatori, poteva e doveva essere nettamente migliore e più garantista nei confronti di tutti i Tirocinanti della Giustizia, poteva e doveva essere un Bando riservato e blindato a favore degli stessi, poteva e doveva coprire tutte le Province e le Regioni, dove, peraltro, ci sono proprio i Tirocinanti interessati rimasti esclusi da ogni possibilità, poteva e doveva assegnare un punteggio di gran lunga superiore e più elevato ai Tirocinanti della Giustizia, rispetto a quello stabilito, nel contesto equilibrio "adeguato" tra UDP ed ex art.37, con una soluzione di almeno il 50% dei punteggi aggiuntivi per UDP e del 45% per gli ex art.37, un bilanciamento giusto che garantiva maggiori certezze ed, invece, è stato dato un piccolo punteggio aggiuntivo ai primi (15%) ed un misero ed insignificante 3% ai secondi, creando difatti un ulteriore discriminazione senza alcuna garanzia per l'assunzione. Inoltre, questo Bando, poteva e doveva essere indicato solo per i Tirocinanti della Giustizia ed, invece, è un Bando pubblico vero e proprio per tutti, con i rischi "altissimi" che i Tirocinanti "fortunati" possano essere pochi, nel senso che alla fine di tutta la procedura si rischia di vedere l'assunzione di pochi Tirocinanti e di molti esterni che non hanno mai calpestato le mattonelle di ogni pavimento dei Palazzi di Giustizia e degli Uffici Giudiziari italiani. Insomma, è stato costruito un vero e proprio inconcepibile auto-gol ovvero un Boomerang assoluto. E poi ancora, si potevano e si dovevano inserire anche i Tirocinanti regionali, perché nel momento in cui sono stati approvati gli ultimi provvedimenti legislativi e relativi all'aumento da trecento (300) posti a 600 e i passaggi sui Titoli aggiuntivi, i Tirocinanti regionali erano in campo che operavano già da qualche anno negli uffici giudiziari, così come erano e sono a tutt'oggi operativi e non possono essere scaricati sostenendo che sono un problema delle Regioni. Le Regioni hanno fatto un Bando e poi con delle convenzioni e autorizzazioni specifiche da parte del Ministero della Giustizia si è stabilito di assegnare quei Tirocinanti agli Uffici Giudiziari. Operano per gli Uffici Giudiziari e non per la Regione. Sino a che il Bando è stato pubblicato in questi giorni, nei mesi scorsi si poteva e si doveva pensare anche ad un loro inserimento in relazione ai punteggi aggiuntivi, seppur con una percentuale inferiore rispetto agli UDP e agli ex art.37. Caro Signor Ministro, è sbagliato dire che è stato pubblicato il Bando per l'assunzione di 616 operatori "Tirocinanti" della Giustizia, perché non è così, nel senso che questo è un Bando previsto per le assunzioni in generale tramite i Centri per L'impiego, con le procedure previste dalle norme specifiche e dove per alcuni "Tirocinanti" della Giustizia sono previsti dei punteggi aggiuntivi di poca entità. Caro Sig. Ministro, anche nel Suo annuncio di ieri non traspare alcun entusiasmo "aperto" perché anche Lei è consapevole degli enormi limiti ed errori di questo Bando, dovute alle pochissime e disperate garanzie a favore dei Tirocinanti della Giustizia e delle forti discriminazioni create. Caro Sig. Ministro, il Bando poteva e doveva essere una cosa completamente diversa e realmente positiva per tutti i Tirocinanti della Giustizia ( anche in virtù degli impegni politici assunti). Bastava ascoltare con umiltà quello che da sempre abbiamo sostenuto come CSE-FILAI, nei diversi e variegati incontri ministeriali e parlamentari. "Il Bando poteva e doveva recepire tutte le nostre indicazioni di buon senso e ampie vedute, peraltro, inserite in un contesto di piena e fattiva collaborazione, ed oggi avremmo potuto parlare di iniziative positive e non di "Bando" indecente. Come CSE-FILAI, non abbiamo mai condiviso, sin dai primi tempi in cui è stata indicata la via dei Centri per L'impiego per casi come questi. "Noi sul terreno del Precariato della Giustizia abbiamo sempre optato per una via maestra diversa ovvero per il concorso riservato e semplificato per soli "titoli". Lo abbiamo in passato proposto e poi è stato attuato ( con risultati vincenti e positivi per tutti), come per gli ex Trimestrali, per gli ex Autisti triennali, per gli ex LSU, per gli ex Messi di Conciliazione non Dipendenti Comunali. La stessa procedura l'abbiamo richiesta e ribadita ripetutamente a gran voce e in tutte le salse, pure con manifestazioni di Piazza, anche per tutti i Tirocinanti della Giustizia, nazionali e regionali, senza alcuna discriminazione. Ma nonostante tutto abbiamo cercato di dare il nostro contributo fattivo, a 360 gradi, per tentare di aggiustare il tiro rispetto alle procedure penalizzanti approvate dal Parlamento, con le previsioni delle assunzioni tramite i Centri per L'impiego anche per gli attuali "Precari della Giustizia". Infatti, tra le altre cose, in piena discussione sulle sorti del Bando dei 616 operatori, avevamo, dopo lunghe e serrate trattative alle quali Lei, caro Ministro, aveva dato il consenso, proposto e poi concordato con i rappresentanti istituzionali del Ministero della Giustizia e del Ministero del Lavoro, la messa in campo di una proposta legislativa ( emendamento), da inserire nel Decreto Sicurezza Bis, che prevedeva la tutela effettiva per tutti i Tirocinanti della Giustizia, inclusi i regionali, attraverso l'attuazione del Contratto a tempo determinato per almeno 1.600 persone e con una procedura per titoli. Purtroppo, questo emendamento che ci risulta essere stato avallato anche da Lei, non ha trovato il supporto necessario in Parlamento e non è stato approvato. " A tal proposito ringraziamo ancora i coraggiosi parlamentari che lo hanno presentato e sostenuto" ovvero gli on.li Barbuto e Grippa e il Sen.Nencini. Questo era ed è il percorso ideale, giusto e mirato per superare la logica dei Tirocini, per dare certezze, garanzie e dignità a migliaia di persone sfiduciate, perché l'applicazione di un Contratto a tempo determinato garantisce diritti e miglioramenti salariali. Abbiamo ripetuto e lo ribadiamo ancora che il Contratto a tempo determinato è la soluzione ponte e propedeutica alla "vera stabilizzazione" di tutti i Tirocinanti della Giustizia, UDP, ex art.37 e regionali, che può avvenire anche con una programmazione biennale o triennale. Questa impostazione garantisce, concretamente, tutele effettive rispetto allo sfruttamento attuale causato dai Tirocini, e al contempo può ridare fiducia agli interessati che, diversamente, rischiano di rimanere eternamente disoccupati, con tutte le conseguenze nefaste. Inoltre, mette l'Amministrazione nelle condizioni di agire ( senza alibi) per garantire la riqualificazione a tutti gli ausiliari e a tutti gli operatori giudiziari, con la possibilità di coprire anche questi posti "vacanti" proprio con gli attuali Tirocinanti della Giustizia, con la messa campo di due procedure per titoli e riservate ai Tirocinanti della Giustizia, ovvero una per Ausiliari ed una per Operatori Giudiziari, fermo restando che nulla vieta di utilizzare anche le stesse graduatorie finalizzate all'attuazione del precedente Contratto a tempo determinato. Ciò significa, sostanzialmente, che si possono prevedere due soluzioni di Contratto a tempo determinato per i rispettivi profili professionali di ausiliario e di operatore o, sempre con riserva, per i soli Tirocinanti della Giustizia e con procedure per titoli. L'applicazione del Contratto a tempo determinato deve essere inserita nel contesto giuridico delle posizioni soprannumerarie, significando che ogni Tirocinante può rimanere nel posto dove opera o dove ha operato ( nel caso di quelli che attualmente non stanno facendo alcun Tirocinio). Questa soluzione è già stata inserita e prevista nel corpo del Testo del Decreto Sicurezza Bis approvato nei mesi scorsi. Quindi, secondo la nostra visione globale, bisogna operare subito senza perdere tempo in questa direzione, riprendendo il lavoro già fatto e rimetterlo in cantiere con determinazione. Questo è quello che faremo sicuramente noi e mi auguro che sia cosi pure da parte ministeriale e governativa. Caro Sig.Ministro, è proprio una maggiore determinazione che ci permettiamo di chiedere a Lei, nel senso di dare attuazione agli orientamenti politici, in particolare quando sono giusti e e, perfino, sono stati condivisi. La separazione dei poteri tra politica e burocrazia è cosa giusta e sacrosanta in democrazia, ma ciò non può e non deve determinare una soccombenza del politico ( Ministro, Sottosegretario, etc..) soprattutto quando la ragione politico-sociale va nella giusta direzione ed è sufficientemente supportata dalla ragione giuridica e legale. Inoltre, la responsabilità successiva non ricadrà sulla burocrazia ma sulla politica, perché i cittadini, giustamente, delusi ed amareggiati, come nel caso di specie, attaccheranno il politico - responsabile di turno. Pertanto, oltre alla coerenza delle scelte che si fanno è necessaria maggiore compattezza ed autorevolezza tra i politici che governano la cosa pubblica e l'esempio parte sempre dall'alto. Chiaramente, questo vale anche per il Ministero della Giustizia.
Caro Sig.Ministro, il Bando che è stato pubblicato ha creato enorme sconcerto e malcontento in tutti i Tirocinanti della Giustizia e noi come CSE-FILAI recependo i malumori e le critiche legittime valuteremo tutte le iniziative opportune e necessarie da intraprendere sia a livello politico, sia a livello sindacale (manifestazioni) e sia a livello giuridico ( se vi sono le condizioni dopo la verifica accurata con in nostri legali), anche alla luce delle iniziative a "sanatoria" di questo "Bando ad escludendum" che la Signoria Vostra, come Ministro della Giustizia, e il Governo ne suo complesso assumerete. Caro Signor Ministro, noi siamo pronti a continuare il confronto su tutta la linea dei Tirocinanti della Giustizia, così come sulle altre questioni aperte ed impellenti, come la Tematica degli Psicologi e Criminologi del DAP, ex art.80, delle Puericultrici di Rebibbia e della vicenda dello scorrimento di tutta la graduatoria degli idonei Assistenti Giudiziari. Nel confermare lo stato di agitazione mai sospeso, al fine di affrontare e risolvere definitivamente questi scottanti problemi, con la presente, si chiede alla S.V.I. un incontro urgente. "Le speranze e il futuro di migliaia di persone a livello occupazionale dipendono dalla soluzione di queste vicende, così come la stessa efficienza o meno della Giustizia Italiana". Su una cosa le do ragione caro Sig.Ministro: c'è tanto da fare. Prima facciamo e meglio è per tutti. Si rimane in attesa di un Suo cordiale cenno di riscontro. Cordiali saluti. Il Segretario Generale della CSE-FILAI - Antonino Nasone
Rispondi

Da: Che strano! 17/10/2019 13.03.37
Per entrare come personale Ata (bidello) devi avere il diploma.
Per lavorare nel Ministero della Giustizia basta la licenza media. :-)
Sarà una bella selezione
Rispondi

Da: Appun 17/10/2019 13.10.14
To
Rispondi

Da: Bando prei  1  - 17/10/2019 13.14.37
Storico e discriminatorio
Rispondi

Da: Minist_990 1  - 17/10/2019 18.23.48
Ragazzi non è per nulla discriminatorio. Il bando parla chiaro e stop.
Logicamente chi ha lavorato già nella pa sarà avvantaggiato (ex militari volontari congedati senza demerito), isee basso, età, anzianità di iscrizione al cpi.
Non faranno un test scritto questo si ma... fidatevi che i requisiti sono giusti e molti non sono iscritti al cpi.
Coloro che si scrivono adesso non risolvono un bel niente, ci sono ragazzi iscritti da 10 anni e hanno fatto anche il militare.
La maggior parte coloro che entreranno (a parere mio ovviamente) saranno coloro che avranno un isee inferiore a 5.000 euro.
Rispondi

Da: S7617/10/2019 22.37.16
a MI ARRENDO

dove hai la bellissima notizia del concorso per cancellieri intorno ad aprile? a me interessa moltissimo
Rispondi

Pagina: 1, 2, 3, 4, 5, 6, 7, 8, 9, 10, 11, 12, 13, 14, 15, 16


Aggiungi la tua risposta alla discussione!

Il tuo nome
Testo della risposta
Aggiungi risposta
 
Avvisami per e-mail quando qualcuno scrive altri messaggi
  (funzionalità disponibile solo per gli utenti registrati)