Login |  Registrati 

NB: La redazione di mininterno.net non si assume alcuna responsabilità riguardo al contenuto dei messaggi.

Consiglio su cambiamento lavoro
12 messaggi, letto 460 volte

Registrati per aggiungere questa o altre pagine ai tuoi Preferiti su Mininterno.

Torna al forum  - Rispondi    


Da: Amleto8302/01/2019 13.43.10
Buongiorno.
Vi scrivo dopo aver già esposto la presente questione personale circa 2 mesi or sono e aver (come mio solito) rinviato la decisione.
Ho 35 anni e questo è il mio ultimo anno di regime dei minimi: l'anno prossimo mi vedrò triplicati i contributi da versare alla cassa forense e la percentuale di tassazione passerà dal 5% al 15%.
Lo studio in cui collaboro mi passa 500 euro lordi mensili più una percentuale sulle cause più infime (quelle da 300/400 euro di parcella), oltre 2000 euro ogni 6 mesi che percepisco per un'attività di consulenza su affitti.
In pratica sono 11/12.000 euro lordi annui che, di fatto sarebbero 7/8.000 euro netti, per adesso.
Di fatto sono un dipendente sottopagato a partita iva.
Vivo con mia madre che, di fatto, mi mantiene con una pensione di reversibilità gravata da 3 prestiti.
Detesto questo lavoro e sono arrivato a detestare tutti coloro che compongono questa "magnifica" professione: avvocati, giudici, cancellieri etc...
La goccia che ha fatto traboccare il vaso? l'ordine vorrebbe censurarmi perchè non ho acquisito 2 crediti nello scorso triennio formativo, quando in realtà il difetto consiste nel non aver indicato per un corso l'orario di uscita...(!!!)
Fatta questa premessa, il marito di una collega conosciuta in questi anni mi ha proposto un lavoro (ancora non ben delineato) nella sua nuova azienda, proponendo uno stipendio da 1.500 euro con contratto a tempo indeterminato già pronto.
Dovrei curare le fasi di produzione di un alimento.
E' una nuova impresa ma il titolare appartiene a una della famiglie più facoltose della mia città, con varie attività già in essere.

Voi cosa fareste?
Sono talmente conciato male, psicologicamente parlando, che i dubbi più paradossali mi assalgono:
-se me ne vado già da a gennaio non prenderò più il 500 euro che mi passa il mio collega ogni mese, come farò pertanto a pagare le spese condominiali, le utenze etc...
-e se non fossi in grado di fare questo lavoro, che rappresenta per me una assoluta incognita?
-se venissi lasciato a casa dopo poche settimane? (resta il fatto che il titolare mi ha anche riferito che nel caso la cosa non decollasse, per vari motivi, avrebbe già un ripiego per me in una delle sue altre attività).
In realtà, tabella alla mano, resistendo ancora un anno presso lo studio legale riuscirei a risparmiare entro gennaio 2020 la bellezza di "2000 euro", considerando anche tredicesima di mia madre e i 4000 euro per la gestione affitti.
Ma avrei già un anno in più, con la sicurezza che nel 2020 non farei più parte del regime dei minimi ma del regime forfettario.

In totale, non so dove sbattere la testa.
Chiedo consigli sinceri e non battutacce da perdigiorno
Rispondi

Da: Non é una vera domanda quella che fai 02/01/2019 13.49.25
Ora non hai un lavoro.
E un Tizio te ne sta invece offrendo uno.
Altro elemento che rende la situazione che descrivi non credibile: dici di avere 35 anni.
E tu ci vuoi far credere che per tutti questi anni hai "guadagnato" quelle cifre senza fare null'altro?
La prossima volta che vuoi prendere in giro della gente la bella la devi raccontare un po meglio
Rispondi

Da: Amleto8302/01/2019 14.02.50
"E tu ci vuoi far credere che per tutti questi anni hai "guadagnato" quelle cifre senza fare null'altro?
La prossima volta che vuoi prendere in giro della gente la bella la devi raccontare un po meglio "

Perdona ma non capisco in cosa consista la presa in giro.
Rispondi

Da: X ........... 02/01/2019 14.04.58
Non esiste che una persona si voglia così male.
É troppo irreale.
Hai peccato di troppa fantasia horror
Rispondi

Da: Amleto8302/01/2019 14.13.01
Tieni presente che conosco persone che percepiscono ancora meno.
Magari frequenti solo legali che guadagnano in media dai 1.500 euri in su ma la realtà è ben divera.
Comunque non prendo in giro nessuno
Rispondi

Da: X amleto 02/01/2019 14.29.15
Ammesso per assurdo che tu sia sincero - e non é così- resta il fatto che fai una non domanda.
Tra avere un lavoro e non averlo (Non chiamerai lavoro spero quel che fai ora) cosa é meglio?
Mmmmmmmmmmm

Senti ma secondo te tra mangiare e digiunare cosa é preferibile?
Io sono perplesso sai
Rispondi

E' uscita l'App ufficiale di Mininterno per Android.
Scaricala subito GRATIS!

Da: @ amleto 83 02/01/2019 14.34.17
Stai navigando su tutto il forum facendo le stesse domande sui vari thread per convincerti....smettila sei ridicolo e identificabile dal tenore dei post...qualcuno già ti ha risposto....
Rispondi

Da: X amleto 02/01/2019 14.51.10
Benissimo allora, visto che io dico che fare l'avvocato sia una follia (a maggior ragione alle tue condizioni aggiungo) tu fai pure il bastian contrario e continua.
La vita é la tua, ci mancherebbe.
In bocca al lupo, ne hai bisogno
Rispondi

Da: La verità 2019 13/01/2019 16.43.12
La cosa più importante é cambiare.
Il cosa farai sta in secondo piano.
Qualunque cosa é meglio rispetto a fare l'avvocato oggi.
Dunque qualsiasi cosa farai avrai ottenuto un miglioramento.
Sono convinto che se esponessi le tue condizioni attuali di lavoro (La retribuzione in primis) ad un qualunque studente delle superiori, tutti chiamerebbero ma perché hai fatto l'università?
Rispondi

Da: Amleto 8314/01/2019 08.23.29
Grazie.
Belle e giuste parole.
Venerdì parlo con questa persona.
Non ce la faccio davvero più.
Sono arrivato al punto in cui dopo essermi bruciato alcuni giorni delle vacanze di natale per far fronte a delle scadenze, mi vedo il collega di studio ricevere i clienti in questione e trattenersi tutte le parcelle.
Addirittura mi tocca  ricordargli lo "stipendio" di 520 euro.
Uno schifo.
Uno sfogo, scusate
Rispondi

Da: ex works 14/01/2019 18.12.35
Caro Amleto,
non so e posso dirti se sia opportuno cambiare lavoro...
quello che mi sento di consigliarti è, in ogni caso, a prescindere da ogni altra valutazione, abbandonare lo studio che ti passa paghetta. E' già uan professione difficile, non facciamo venir meno anche il rispetto. Prima di tutto ne va della tua salute mentale, della tua autostima e della tua professionalità. Svenderti non è una soluzione né per te (dubito che ti ci possa mantenere) né per la categoria.
Non ho idea di quale sia la tua collocazione geografica ma sono certa che il mercato possa offrire di meglio.
Rispondi

Da: Amleto 8315/01/2019 13.47.10
Grazie mille ex works.
Vivo in lombardia.
Rispondi


Aggiungi la tua risposta alla discussione!

Il tuo nome
Testo della risposta
Aggiungi risposta
 
Avvisami per e-mail quando qualcuno scrive altri messaggi
  (funzionalità disponibile solo per gli utenti registrati)