>Concorsi
>Forum
>Bandi/G.U.
 
 
 
 
  Login |  Registrati 

NB: La redazione di mininterno.net non si assume alcuna responsabilità riguardo al contenuto dei messaggi.

COME VINCERE UN CONCORSO LOCALE
15157 messaggi, letto 300569 volte

Registrati per aggiungere questa o altre pagine ai tuoi Preferiti su Mininterno.

Torna al forum  - Rispondi    


Pagina: 1, 2, 3, 4, 5, 6, 7, 8, 9, 10, ..., 501, 502, 503, 504, 505, 506 - Successiva >>

Da: uaahuahauahaha16/07/2018 13.32.54
e che è un esame di avvocato?
Rispondi

Da: Katie Holmes16/07/2018 16.18.32
vabbe per quanto ne so io, se nel bando non è fatto divieto i codici si possono portare ...e anche il vocabolario
Rispondi

Da: A ragazzi 19/07/2018 20.23.11
C'è qualche bando con diploma?
Rispondi

Da: Katie Holmes23/07/2018 15.08.44
si ce ne sono, credo siano quelli per CAT. C... per CAT. D è per laureati
Rispondi

Da: Test.infinito 
Reputazione utente: +45
23/07/2018 18.13.23
Solo il D è per laureati
Rispondi

Da: Katie Holmes24/07/2018 14.05.19
ma qualcuno potrebbe essere cosi gentile da stilare un elenco di argomenti da sapere?
Rispondi

E' uscita l'App ufficiale di Mininterno per Android.
Scaricala subito GRATIS!

Da: A ragazzi 1  - 24/07/2018 14.06.43
grazie, per adesso come bandi APERTI ce ne sono solo per laureati? o sono già chiusi x scadenza termini?
Rispondi

Da: Test.infinito 
Reputazione utente: +45
24/07/2018 15.07.33
Avete mai sentito parlare della Gazzetta ufficiale?
Lì sono riportati i concorsi e i bandi.
Rispondi

Da: Btu 24/07/2018 23.53.45

- Messaggio eliminato -

Rispondi

Da: H20 27/07/2018 08.45.26
Up
Rispondi

Da: impiegato_comunale  30/07/2018 02.58.02
Fate cadere le braccia a leggervi... Per fortuna le selezioni sono dure ed entrano solo i migliori. Sono finite le vacche grasse degli anni 70-80 dove per entrare bastava fare 2+2. Saluti a tutti. Io inizio oggi le 2 settimane di meritate ferie.
Rispondi

Da: A ragazzi 30/07/2018 05.33.57
Ovvio che andavo a controllare ma nel frattempo ho chiesto per vedere se mi era sfuggito qualcosa dato che da poco ho pensato a qs settore . Come siete permalosi , per carità , ma che ne sapete? La connessione mi saltava ogni minuto giorni fa ! Astenersi dai giudizi facili .
Impiegato spero non ti riferissi a me..perché come gli altri giudicano subito anche io potrei pensare che le selezioni sino pilotate ma non lo faccio e anzi ti reputo meritevole del posto poiché non ti conosco e non giudico con faciloneria
Rispondi

Da: HumptyDumpty  31/07/2018 09.59.25
Ma secondo voi con l'accesso agli atti posso chiedere che mi venga inviata scansionata la prova del concorrente che agli scritti ha preso 30/30, in modo da imparare dai fenomeni? O l'accesso è solo alla mia prova?
Rispondi

Da: Test.infinito 
Reputazione utente: +45
31/07/2018 10.04.49
Io ho chiesto l'accesso alla mia prova e al miglior compito.
Certo che si può fare.
Rispondi

Da: HumptyDumpty  01/08/2018 09.12.10
Grande test
Rispondi

Da: Sandr0kan 1  1  - 04/08/2018 14.43.17
Buongiorno, mi permetto di dare qualche consiglio anch'io;
ho perso il conto dei concorsi in Comune che ho fatto, tra i 10 e i 15 credo, tra amministrativo e polizia locale, con qualche idoneità e un paio di vittorie secche.

1) In genere non è vero che gli altri Comuni attingono: è capitato che lo abbiano fatto Comuni con l'acqua alla gola e per il profilo di polizia municipale ma solo un paio di volte; è facile che attingano ma per il tempo determinato. Per il T.I. ogni Comune vuole fare il suo concorso per vari motivi (che non sto a specificare).

2) In medio stat virtus: nel comunello sotto i 30 mila abitanti è difficile che la graduatoria scorra: entra il primo (qualche volta cercandolo con google è il precario che stava già lavorando lì) e tanti saluti; viceversa nei maxi concorsi nelle città capoluogo di Provincia o addirittura di Regione si presenta tutta Italia con un peggioramento della ratio posti disponibili/numero dei partecipanti e conseguente inasprimento della difficoltà delle prove.
I Comuni migliori sono quelli non capoluogo di provincia e  ma che abbiano un buon numero di abitanti (sopra i 40 mila). Un esempio è stato Busto Arsizio: concorso con (mi pare) 5 posti iniziali da subito e un numero di partecipanti mi pare non superiore a 300.
Questo perche' a livello psicologico un concorrente della Sardegna o Sicilia non prende l'aereo per andare a fare un concorso in un Comune che non è neanche capoluogo, e magari non ci va neppure dalla Campania. Qualcuno ci andrà, ma statisticamente il rapporto posti/partecipanti, in questo tipo di concorsi, è il piu' favorevole di tutti.

3) Piu' il posto è di m.... piu' è facile vincere: in un posto sperduto sull'appennino ci saranno meno partecipanti rispetto al numero di posti che non nel Comune turistico sul mare; in quest'ultimo inoltre sono pure piu' difficili gli scorrimenti della graduatoria in quanto prima di scorrere la graduatoria devono fare mobilità e le località "belle" sono molto ambite anche da eventuali "mobilitanti".

4) In Lombardia i concorsi sono piu' facili che in Emilia Romagna, Toscana, Liguria. Nel centro-sud non li ho mai provati ma presumo sia pure peggio. Io sono stato segato ad una preselezione in Emilia Romagna e il giorno dopo, con la stessa preparazione, sono arrivato secondo ad un'altra in Lombardia.
Aggiungo pure che in Toscana sono stato segato a quasi tutti i concorsi mentre in Lombardia sono sempre risultato idoneo (anche se ormai l'idoneità l'ho persa perche' ho rifiutato la chiamata). Il rovescio della medaglia è che poi dalla Lombardia scordatevi di andarvene per mobilità perche' il nullaosta non ve lo daranno mai e uno scambio non lo troverete mai perche' la entra al nord per poi cercare di andare al sud e non viceversa. Mentre se siete riusciti a entrare a Napoli, avrete la fila di persone che vogliono fare scambio con voi da qualunque parte di Italia.
Se il vostro scopo pero' è di entrare fate i concorsi in Lombardia.

5) Per i concorsi serve una preparazione che non ha niente a che vedere con quella degli esami universitari dove se sai la materia passi. Non lo dico io ma le statistiche: orde di laureati in legge e perfino qualcuno con la firma di avvocato vengono regolarmente segati ai concorsi per C1 e perfino per B3.

6) La difficoltà di un concorso è data in genere dal numero di pretendenti fratto numero di posti, questo è un po' il riassunto di tutti i punti precedenti ed è una verità matematica nelle preselettive dove passano "i primi n candidati"; va da se che piu' sono i candidati e piu' il livello richiesto è alto. Ecco che alcuni concorsi per C1 possono essere piu' difficili di quelli da D1.

7) Per passare i concorsi serve una preparazione molto articolata e una giusta dose di fortuna, puoi anche essere preparato ma ti capita la domanda killer e sei fuori. Il candidato piu' avvantaggiato è quello che è disoccupato (magari fresco di studi universitari) che studia dalle 9 di mattina alle 19 di sera tutti i giorni. Preparare un concorso a tempo perso studicchiando un po' la sera dopo essere usciti stanchi da un lavoro di m.... (che magari non c'entra niente con quello che state studiando) la vedo dura. Io quando lavoravo nel privato riuscivo a studiare un po' durante i turni di notte. Se siete disoccupati, studiando "a tutta" dovreste cominciare a passare le graduatorie dopo 3 o 4 mesi di studio mentre da studenti lavoratori possono occorrere 7 / 8 mesi o piu' e il problema è che la memoria è come un secchio bucato: studiate una cosa e ne dimenticate un'altra. Valutate l'idea di prendere un part time verticale dall'attuale lavoro per avere piu' giorni liberi e studiare.

8) Una volta preparati provate piu' concorsi possibili: il poshto shtatale (o comunale) è l'arca di noè in un mondo del lavoro sempre piu' precario e con aziende private per le quali puoi anche morire ma sei solo un numero e se il capo stronzo alle 17.59 decide di fare una riunione devi andarci e basta anche se hai il bimbo da prendere all'asilo e le ferie, se te le fanno fare, te le autorizzano il giorno prima. Ah naturalmente portandoti dietro un portatile e il cellulare di lavoro con il quale controlli l'email e fai qualche telefonata di lavoro a clienti e fornitori mentre sei in ferie.

9) Se avete la possibilità di scegliere dove lavorare perche' siete in piu' graduatorie, piu' il Comune è grande, meglio è. Sia perche' avete piu' possibilità di trovare uno scambio se vi trovate male, sia perche', sempre se vi trovate male, avete piu' possibilità di cambiare reparto. Nei comuni piccoli (es. sotto i 20 mila abitanti) rischiate di essere in ufficio soltanto tu e il/la tua responsabile che se è str---o/a sono cavoli amari. Inoltre in alcuni Comuni piccoli ho visto situazioni da paura del tipo una persona sola C1 che fa da sola tutti i servizi demografici, sportello e backoffice compreso. Oppure un unico ufficio di due persone (il responsabile e un impiegato) che fa, tutto insieme, ragioneria, tributi, patrimonio e economato; per non parlare della Polizia Municipale dove in un Comune piccolo mi è capitato di avere reperibilità notturna il cui numero pero' era pubblico e avrebbero potuto chiamarti direttamente i cittadini (mentre diverso è se il numero lo ha solo un'eventuale centrale operativa che ti chiama solo per casi gravi assumendosene la responsabilità).
Rispondi

Da: Test.infinito 
Reputazione utente: +45
04/08/2018 16.02.24
Sandrokan, concordo complessivamente con quello che dici. A livello effettivo, che differenza c'è dal punto di vista lavorativo tra un C e un D?
Meglio un C vicino casa o un D lontano?
Rispondi

Da: sandr0kan 04/08/2018 16.14.10
meglio un C vicino casa tutta la vita
la differenza di stipendio è minima
ma anzi da D hai più sbattimenti
Rispondi

Da: Test.infinito 
Reputazione utente: +45
04/08/2018 16.27.36
Ma a livello di mansioni, funzioni, carriera non è meglio un D??
Parlo da un punto di vista lavorativo, non economico.
Rispondi

Da: Sandr0kan 1  - 04/08/2018 16.49.07
Da un punto di vista lavorativo dipende da cosa ti piace fare.
Io sono del parere che responsabilità=sbattimenti.
A pari stipendio preferirei fare il portinaio A1 piuttosto che il D3 giuridico.
Perché da portinaio A1 finite le tue ore hai finito e basta e non ti porti i pensieri di lavoro nel letto.
Non significa che voglio schivare le responsabilità, semplicemente "non essere fessi".
E sei fai il D lontano da casa oltretutto con le spese che hai ti rimangono pure in tasca meno soldi del C.
Ma chi te lo fa fare.

Rispondi

Da: Sandr0kan05/08/2018 08.40.38
Occhio che nei Comuni molto piccoli, da C ti ritrovi i compiti e le responsabilità del D (senza che ti vengano riconosciute sulla carta).
Purtroppo le mansioni del CCNL sono molto fumose per cui vale tutto e il contrario di tutto. Ho visto B3 che facevano cose che altrove facevano i D1 (ovviamente parlo di D1 senza P.O.)
Rispondi

Da: @ Sandr0kan05/08/2018 08.44.10
Cosa significa P.O.? Grazie
Rispondi

Da: sandr0kan05/08/2018 10.16.13
posizione organizzativa
Rispondi

Da: Gh 05/08/2018 13.32.42

- Messaggio eliminato -

Rispondi

Da: HumptyDumpty  05/08/2018 15.47.45
Io ora n sto preparando altri 3, un B3, un C1 eun concorso senza numero fisso di gente da prendere per agente di polizia locale non fanno una graduatoria per assunzione a temporale determinato. Li mi dovrò iniziare da 0 il codice della strada, Sandr0 è bravo in quelli, io non li ho mai fatti. Bel pizzo di 20 euro pagato per partecipare. Sono severissimi nella correzione comunque, ogni tanto leggo graduatorie a caso, bocciano tutti e se passi agli scritti danno 21-22
Rispondi

Da: muflonedimontagna 1  - 05/08/2018 16.21.40
anch io come sandrokan e impegato comunale ho fatto la mia gavetta per vincere un concorso pubblico in un comune. non posso che confermare ciò che hanno detto nel corso dei numerosi post pubblicati..per la mia esperienza (ho tentato in tre anni ed in più regioni all 'incirca trenta concorsi e sono entrato in quindici graduatorie) credo l'aspetto più difficile sia non mollare nelle iniziali difficoltà del percorso..difficilmente i risultati della preparazione si fanno vedere a breve, soprattutto se si sta già lavorando in un ambito che poco centra con il comune ed il tempo per prepararsi è quello che è..confermo inoltre che siano meglio i comuni medio grandi rispetto a quelli piccoli dove l'assenza di personale e l'impossibilità per l'ente di assumere nuove risorse nel corso degli ultimi anni si è fatta sentire in maniera importante: vi potrebbe capitare un giorno di fare anagrafe, l'altro di sostituire il collega allo sportello, ecc.. (meglio che essere disoccupati comunque)..tra un c vicino casa e un d lontano è meglio il c..se ci si accontenta di andare a lavorare,fare il proprio lavoro e una volta timbrato lasciare i pensieri in ufficio, per il giorno dopo e cosi via fino alla pensione (se mai ci arriveremo)..il d ha altre responsabilità e non remunerate (all 'anno la differenza di stipendio con un categoria c, è di 1.500 euro in busta), a meno che sia non abbia la posizione organizzativa ( a capo cioè dell'area per intenderci)..se ne vale la pena?ognuno di noi sa dare la propria risposta..certo è che se si vuole un aumento di stipendio diventare categoria d per poi cercare di prendersi la posizione organizzativa è l'unico modo..ed è il modo principale anche per avere molti più problemi e preoccupazioni.. a voi la scelta..
Rispondi

Da: daCaD 05/08/2018 17.09.56
Io sono C da una decina d'anni, come ha detto qualcuno sopra in quel periodo ero appena uscito dall'Università e stavo studiando full time, poi è uscito un concorso vicino casa e l'ho vinto. All'orale erano uscite domande nelle mie corde (accesso; responsabilità amministrativa; l'altra non me la ricordo) e mi è andata bene. La fortuna sulle tracce e domande è fondamentale. Poi però è iniziato un po' il calvario di quello troppo preparato per l'inquadramento da C, dunque anche se poi ho sempre lavorato in staff al dirigente non ho mai avuto occasione di ricoprire dei ruoli piu' gratificanti e rendere visibile agli altri uffici il mio contributo (es: firmare relazioni, partecipare a riunioni importanti con delega ecc). Dunque dipende un po'cosa ci si aspetta dal lavoro, per una persona a cui piace approfondire e studiare anche fuori orario di lavoro la posizione del c è un po' stretta e bisogna sapersi accontentare.
Da poco ho vinto un concorso da D a 100km da casa e fra poco entro nel nuovo ufficio. Vi farò sapere se è valsa la pena cambiare vita, sicuramente non da un punto di vista economico (la differenza è annullata da costi viaggio ecc) ma di giusto inquadramento rispetto al titolo di studio. Poi ognuno deve fare queste valutazioni rispetto alla propria situazione personale!
Rispondi

Da: sandr0kan@daCaD 05/08/2018 17.51.13
resta dove sei! ma chi te lo fa fare di avere più rogne oltretutto più lontano da casa.
Rispondi

Da: HumptyDumpty  05/08/2018 17.56.37
Io mi chiedo come fate a vincere concorsi da un posto. Insegnatemi, maestri. Ho preso 18 dopo un'ordinanza c&u di 3 pagine quando sono di 10 righe pure a Roma. Quell'altro supereroe 15 graduatorie :'D io mi accontento di una, e in fondo pure
Rispondi

Da: daCaD 05/08/2018 17.59.51
@sandr0kan
Faccio la prova, il posto da C è congelato per 6 mesi e decido! In tutti questi anni nelle mie zone nessun concorso per D, ne è uscito uno e sono tra i vincitori, mi sembra davvero sprecare una possibilità! È un po'un salto nel vuoto in effetti, però come dice il proverbio ogni lasciata è persa!
Rispondi

Pagina: 1, 2, 3, 4, 5, 6, 7, 8, 9, 10, ..., 501, 502, 503, 504, 505, 506 - Successiva >>


Aggiungi la tua risposta alla discussione!

Il tuo nome

Testo della risposta

Aggiungi risposta
 
Avvisami per e-mail quando qualcuno scrive altri messaggi
  (funzionalità disponibile solo per gli utenti registrati)