Login |  Registrati 

NB: La redazione di mininterno.net non si assume alcuna responsabilità riguardo al contenuto dei messaggi.

Preparazione al concorso referendario TAR
38493 messaggi, letto 2024168 volte
 Discussione ad accesso limitato, solo gli utenti registrati possono scrivere nuovi messaggi

Registrati per aggiungere questa o altre pagine ai tuoi Preferiti su Mininterno.

Torna al forum    


Pagina: 1, 2, 3, 4, 5, 6, ..., 1279, 1280, 1281, 1282, 1283, 1284

Da: gigettorossetto  2  1  - 24/04/2019 11.20.09
buon 25 aprile e buona resistenza quotidiana a chi ha sempre dovuto affrontare montagne e salite nella vita, in tutti gli ambiti.

Da: Fontedelpoggio  1  - 24/04/2019 11.23.00
vi mando un estratto da una sentenza della cassazione in materia di fallimento delle società in house.
Cass. 5346 del 22 febbraio 2019.

Il rapporto tra la società e l'ente locale è, cioè, di sostanziale autonomia, al punto che non è consentito al comune di incidere unilateralmente sullo svolgimento del rapporto medesimo (e sull'attività  dell'ente collettivo) mediante l'esercizio di poteri autoritativi o discrezionali.
[...] il cd. "controllo analogo" esercitato dall'amministrazione sulla società partecipata serve a consentire all'azionista pubblico di svolgere un'influenza dominante sulla  società, se del caso attraverso strumenti derogatori rispetto agli ordinari  meccanismi di funzionamento, così da rendere il legame partecipativo assimilabile a una relazione interorganica; e tuttavia questa relazione  interorganica non incide affatto sull'alterità soggettiva dell'ente societario  nei confronti dell'amministrazione pubblica, dovendosi mantenere infine pur sempre separati i due enti -quello pubblico e quello privato societario -sul piano giuridico-formale, in quanto la società in house rappresenta pur sempre un centro di imputazione di rapporti e posizioni giuridiche soggettive diverso dall'ente partecipante.
[...] La scelta del legislatore di consentire l'esercizio di determinate  attività a società di capitali, e dunque di perseguire l'interesse pubblico attraverso lo strumento privatistico, in ogni caso comporta che queste assumano i rischi connessi alla loro insolvenza -"pena la violazione dei principi di uguaglianza e di affidamento dei soggetti che con esse entrano in  rapporto e attesa la necessità del rispetto delle regole della concorrenza, che impone parità di trattamento tra quanti operano all'interno di uno  stesso mercato con identiche forme e medesime modalità" (così Cass. n.  22209-13).

Da: Sissylu   1  - 24/04/2019 15.29.25
Grazie cercavigiustiziamatrovasti in effetti pensavo anche io a materie degli scritti più procedura così non spreco tempo e sono utili per il prossimo bando.
Intanto ho copiato le domande che ha gentilmente postato Fontedelpoggio

Pagina: 1, 2, 3, 4, 5, 6, ..., 1279, 1280, 1281, 1282, 1283, 1284


Torna al forum