Login |  Registrati 

NB: La redazione di mininterno.net non si assume alcuna responsabilità riguardo al contenuto dei messaggi.

Preparazione al concorso referendario TAR
26574 messaggi, letto 1202746 volte
 Discussione ad accesso limitato, solo gli utenti registrati possono scrivere nuovi messaggi

Torna al forum    


Pagina: 1, 2, 3, 4, 5, 6, ..., 881, 882, 883, 884, 885, 886

Da: Bada Bing  23/03/2017 13.26.24
...gigetto sei pesante...

Da: gigettorossetto 23/03/2017 14.57.17
può darsi ma sincero.
io comunque come titoli chiederei anche dove si sono conseguite le medie inferiori e superiori. da li deriva tutto. il resto è una conseguenza

Da: Domandona  23/03/2017 16.00.26
Volevo dire a gigetto, la cui pesantezza  trovo comunque assai simpatica, a proposito della sua teoria per cui se non si nasce nel contesto intellettuale giusto il destino è già segnato in senso limitante e negativo, che in realtà sono molte le storie di personalità geniali o comunque eccellenti che vengono da contesti socio familiari svantaggiati e problematici... Tante volte i contesti difficili sono di stimolo ad un maggiore sviluppo di certe capacità, non credete? Altrimenti certi concorsi resterebbero appannaggio dei soli "figli di papà" ma non mi sembra sia così

Da: Incasinatissima 23/03/2017 16.11.30
Certo, il contesto giusto può aiutare, ma questo non significa nulla.
Conosco un sacco di figli di nessuno che hanno raggiunto vette altissime e un sacco di figli di papà che (forse proprio a causa della non necessità di un vero lavoro)si sono adagiati sugli allori per non concludere nulla

Da: IURE2 23/03/2017 16.26.35
Conta anche la genetica.
Se uno nasce quadrato non morirà mai tondo.
La teoria del contesto ambientale ha una rilevanza limitata.

Da: IURE2 23/03/2017 16.26.35
Conta anche la genetica.
Se uno nasce quadrato non morirà mai tondo.
La teoria del contesto ambientale ha una rilevanza limitata.

Da: Domandona  23/03/2017 16.45.15
Giusto incasinatissima e iure, sono d'accordo con voi. Quindi coraggio gigetto, non c'è ragione per sentirsi svantaggiati. Quello che conta secondo me è la "fame" di migliorarsi

Da: gigettorossetto 23/03/2017 17.21.32
la fame, la grinta e la rabbia non mancano ma i limiti non sono tutti eliminabili, purtroppo. sto provando a leggere "imparare a scrivere meglio". e' durissima. ascoltare e cibarsi tutti i giorni di spazzatura lavorativa e collegale e poi sdoppiarsi e provare a fare nei ritagli percorsi irti e perigliosi con gap incolmabili del passato.

Da: IURE2 23/03/2017 17.44.30
Gigetto su questo ti do ragione.
Se svolgi le funzioni di giudice ti perfezioni. Se fai il funzionario, salvo apicale, no.
Però il gap si colma con lo studio e l'esercizio.

Da: Incasinatissima 23/03/2017 17.47.09
Gigetto, non conosco bene la tua storia, ma hai provato a fare dei corsi? Con i corsi la scrittura può migliorare tanto

Da: quattrocodici  23/03/2017 18.59.49
Nulla dies sine linea, diceva Plinio il Vecchio...
Potresti cominciare un diario giornaliero dei tuoi progressi o delle tue intenzioni: due righe al giorno bastano...E' pur sempre allenarsi a scrivere senza lo stress mentale di dover concludere un saggio in un numero ristretto di ore...
Poi, la lettura: del giornale, di un romanzo che promette di appassionarti o di tutto quanto ti piaccia o ti incuriosisca...può essere utile...
Comunque, Gigetto, mi pare tu scriva bene e in modo chiaro...
La tua aspirazione a migliorare ti fa onore...
Io, per esempio, non scrivo di getto...Non ho mai avuto questa dote...Devo spesso ripensare e risentire mentalmente una frase.
Si accettano suggerimenti...
Un saluto affettuoso a tutti voi...

Da: ilpulcinopio  23/03/2017 19.07.02
Gigetto come cantava il buon Pino... non è così tragica se esiste una logica ci sta chi sta peggio è te!

Da: gigettorossetto 23/03/2017 21.37.39
iure certo che conta la genetica ma anche le coincidenze: temporali, commissariali, concorrenziali, tracciali ecc. ecc.
per la genetica poteva andarmi meglio nel senso che non sono intelligente.
mi salvo perchè mediamente la gente è molto stupida e la mia poca stupidità mi fa difender bene.
diciamo che mi aiuta l'intuito ma purtroppo non dispongo di quelle sinapsi logiche in grado di farmi afferrare contraddizioni concettuali e terminologiche.
inoltre la pigrizia mentale di fronte alle cose difficili da comprendere non mi aiuta e tendo a passare al concetto successivo magari più agevole e intuitivo.
esempio: mi sono sempre rifiutato di studiare accollo, espromissione e delegazione non perchè siano impossibili da capire ma perchè devi starci su un secondo di più e non mi piace sbatterci la testa.

Da: Bada Bing  23/03/2017 22.17.45
Imparare a scrivere meglio=Leggere

Da: Set Beker  23/03/2017 22.36.11
Per me sono impossibili e basta...

Da: Conor 23/03/2017 23.24.46
Per fare la domanda per CdC è necessaria una PEC personale, o è possibile utilizzare quella di un parente?

Da: Sails 23/03/2017 23.45.55
x conor

chiedilo direttamente a loro alla mail che forniscono. Tu devi eleggere un indirizzo pec e credo che possa essere uno qualsiasi. Certo scatta la presunzione di conoscenza......

Da: ilpulcinopio  24/03/2017 05.28.03
No deve essere personale l indirizzo

Da: Un passante 24/03/2017 06.04.26
Caro Conor, leggi il bando!
Eleggi un domicilio, dunque la PEC  deve essere tua, possibilmente con nome e cognome, anche se questa è una mia aggiunta!
Quando te la farai, con Aruba o Posta, che sono le più economiche, scoprirai che per aprire una PEC serve una carta di credito ma, soprattutto, un PDF con la copia di un tuo documento valido, che poi magari userai anche per la domanda a Corte!

Caro Gigetto, non hai mai fatto delegazione,espromissione e accollo?
Dai, scherzi!
E l'esame di Privato come l'hai superato?
Lo vedi che anche tu nella vita hai avuto colpi di fortuna non normali?
La regola per me era: preparati alla domanda che non vorresti!
Non me la facevano sempre, ma andavo comunque tranquillo, e piovevano i 30...
Più numerosi delle bocciature di oggi...
Qua è lo stesso: preparati al peggio, otterrai il meglio!
Studia, e non pensare a ciò che hai perso, che non può tornare, ma al meglio che ancora puoi agguantare!
Dai che ci si vede a luglio!
E ricorda sempre:

"Non si può fare di un maiale un cavallo da corsa.
Ma se ne può fare un porco che vada maledettamente alla svelta!"

(John Steinbeck, La valle dell'Eden)
Saluti passanti un romanzo splendido della sua gioventù citanti

Da: quattrocodici  24/03/2017 06.56.32
Delegazione, espromissione e accollo sono semplici se le leggi sul codice.Le spiegazioni a volte complicano...Poi, soccorre l'immaginazione...Immaginarsi i soggetti nelle loro dinamiche tra loro... Puo' aiutare la giurisprudenza, da cui cogliere esempi.
Sono d'accordo con Bada Bing: Leggere, leggere, leggere...
Caro Un Passante,
La valle dell'Eden, un libro grosso come un mattone, giace ancora nella mia libreria...Cominciato...mai finito... Ero troppo giovane...e troppo impegnata per leggere tutto quello che avrei voluto...
Chissa'...se avessi letto quella frase...forse oggi sarei piu' reattiva e dinamica...
In ogni caso, ringrazio i miei professori, la mia maestra, i miei genitori e mia nonna, che hanno sempre incoraggiato in me "il vizio di leggere".
Tutto cio' che di buono e' venuto nella mia vita lo devo a questo.
Sorridete alla vita e non disperate, non lasciatevi scippare l'entusiasmo...
Io sento ancora di dover tutto cominciare ed imparare...Sembra, a volte, di dover riedificare il mondo, il proprio...
Non c'e' nulla di piu' entusiasmante di un cantiere in continua animazione ove ogni parte di voi coopera alla realizzazione di un sogno..., benche' la fatica sia reale..., tangibile...
Sorridete a voi stessi, agli altri, alle vostre aspirazioni...
Leggete.

Da: OrdoQuaestionum  24/03/2017 07.11.50
Ma secondo voi arriverà prima il bando Tar o il closing del Milan? #scommessememorabili #sischerzachelavitaègiàduradisuo

Da: Un passante 24/03/2017 07.55.02
Cara Quattrocodici,
La Valle dell'Eden è  il libro che ho letto di più  in vita mia, forse una ventina di volte.  Potrei recitarti a memoria l'incipit: "Quella parte della valle del Salinas"...
E le parole che ho citato sono dette da Hamilton, il vecchio saggio, che insieme al cinese Li sono il cuore del libro... "E questo fu l'oro che trovammo: nella Bibbia il Signore non dice a Caino 'Tu devi vincere il male'. Né  'Tu vincerai il male'.  Ma dice Timshel. Tu puoi vincere il male.
E in questo potere sta la grandezza dell'uomo"...
Eppure è un libro che non ho mai letto, perché nella casa ben povera di libri in cui ho vissuto, tanto che appunto leggevo e rileggere sempre gli stessi fino ad impararli a memoria, La valle dell'Eden è in edizione condensata on una raccolta di romanzi riassuntati pEr i lettori del Reader's Digest... Da adulto ovviamente mi comprai l'originale, ma non l'ho mai aperto, anche perché nel frattempo mi sono convertito all'ateismo praticante e quindi gran parte del fascino di quel libro, così  intimamente religioso, in sostanza una revisitazione di Caino ed Abele tra i contadini della California, è  per me perduto per sempre.
Ma lo amo e lo amerò sempre lo stesso,  è  il libro probabilmente a cui debbo di più  anche se non è  il mio preferito, e sta nel mio cuore con tutti i suoi indimenticabili personaggi, tra cui la personificazione del male assoluto, Cathy Adams, la madre dei due gemelli...
Che donna! Una che uccide madre, padre e professore di latino, spara al marito, abbandona i figli, fa la piuttana,  avvelena la propria maitresse e ne prende il posto e causa la morte di uno dei figli e quasi (perché "tu puoi") la perdizione dell'altro come puoi dimenticarla?
"A certi figli manca qualcosa. Sono dei mostri. Ma i genitori non se ne accorgono..."
Cathy! Come scordare i suoi boccoli biondi e la boccuccia di fragola?
Ecco, questa è la valle dell'Eden ed il suo serpente biondo, purtroppo mal riprodotta dal pessimo film di Elia Kazan con James Dean nella parte dell'ombroso Caleb, che corrotto dalla madre uccide il fratello Aaron, bello, biondo e cretino,  e a momenti ammazza il padre. ..
Ma...
Timshel. ..
Tu puoi...
È  un libro immenso.
Lo (ri)leggerò.
DGO, dopo gli orali...
Che, caro Ordo, non saranno prima dei miei 59 (cinquantanove) anni, nel 2019, dato che a luglio finiscono le correzioni, a settembre fanno il bando, a settembre 2018 gli scritti e nel 2019, se tutto va bene, orali ed immissione in ruolo...
Saluti passanti ai tempi lunghi preparanti (meno male che quelli di Corte dovrebbero essere a novembre!)

Da: OrdoQuaestionum  24/03/2017 08.11.03
Quindi alla fine della fiera il bando è imminente per settembre :)

Da: Un passante 24/03/2017 08.31.10
https://youtu.be/aVLonpBtkH0

Pagina: 1, 2, 3, 4, 5, 6, ..., 881, 882, 883, 884, 885, 886


Torna al forum