Login |  Registrati 

NB: La redazione di mininterno.net non si assume alcuna responsabilità riguardo al contenuto dei messaggi.

Agenzia delle DOGANE, 49 posti
6609 messaggi, letto 566241 volte

Registrati per aggiungere questa o altre pagine ai tuoi Preferiti su Mininterno.

Torna al forum  - Rispondi    


Pagina: 1, 2, 3, 4, 5, 6, 7, 8, 9, 10, 11, ..., 216, 217, 218, 219, 220, 221 - Successiva >>

Da: metodo09/01/2014 22.31.21
TAR Lazio N. 06884/2011 REG.PROV.COLL.

... Una deroga così ampia sul piano quantitativo e temporale al principio del reclutamento del personale dirigenziale mediante il sistema concorsuale per la copertura delle posizioni dirigenziali è valsa ad introdurre e consolidare nel tempo una situazione complessiva di grave violazione di principi fondamentali di regolamentazione del rapporto di pubblico impiego e delle garanzie relative all'accesso alle qualifiche, alla selezione del personale e allo svolgimento del rapporto ...
Rispondi

Da: metodo09/01/2014 22.32.10
Consiglio di Stato N. 05451/2013REG.PROV.COLL.

... Il Collegio ritiene che occorre rimettere alla Corte Costituzionale, stante la sua rilevanza ai fini della decisione e la sua non manifesta infondatezza, la questione relativa alla legittimità costituzionale dell' articolo 8, co. 24, d.l. 2 marzo 2012 n. 16, conv. in l. 26 aprile 2012 n. 44, per le ragioni meglio esplicitate con separata ordinanza .... rimette con separata ordinanza alla Corte Costituzionale la questione di legittimità costituzionale dell' articolo 8, co. 24, d.l. 2 marzo 2012 n. 16, conv. in l. 26 aprile 2012 n. 44
Rispondi

Da: metodo09/01/2014 22.32.52
DECRETO-LEGGE 30 dicembre 2013, n. 150 - Proroga di termini previsti da disposizioni legislative. - art. 1
14. Il termine per il completamento delle procedure concorsuali  di cui all'articolo 8, comma 24,  primo  periodo,  del  decreto-legge  2 marzo 2012, n. 16, convertito,  con  modificazioni,  dalla  legge  26 aprile 2012, n. 44, e' prorogato al  31  dicembre  2014.  Nelle  more possono essere prorogati solo gli incarichi gia' attribuiti ai  sensi del secondo  periodo  del  medesimo  comma  24  dell'articolo  8  del decreto-legge n. 16 del 2012.
Rispondi

Da: metodo09/01/2014 22.33.26
.. e nonostante tutto questo mantengono in piedi gli incarichi a funzionari non laureati. Chissà cosa potrà accadere se qualcuno impugnerà gli avvisi di accertamento firmati dagli stessi per illegittimità con conseguente nullità. Chi pagherà il conseguente danno erariale ?
Rispondi

Da: metodo09/01/2014 22.48.44
L'art.2, co. 2, secondo periodo, del decreto-legge 30 settembre 2005, n. 203 a cui rinvia il DL 16 del 2012 prevede un decreto del Ministro dell'economia e delle finanze per stabilire le modalita', anche speciali, per il reclutamento di personale (non di dirigenti). Chi mi sa spiegare su quali base il concordo da 46 posti prevede la valutazione dei titoli (che tra l'altro sono quelli accademici o formativi non il servizio reso) quando tale fattispecie non è prevista dalla 165 ?
Rispondi

Da: metodo09/01/2014 23.03.03
Articolo 28 (165/2001)

1. L'accesso alla qualifica di dirigente di ruolo nelle amministrazioni statali, anche ad ordinamento autonomo, e negli enti pubblici non economici avviene esclusivamente a seguito di concorso per esami.
Rispondi

E' uscita l'App ufficiale di Mininterno per Android.
Scaricala subito GRATIS!

Da: metodo09/01/2014 23.17.27
Il bando fa riferimento al Decreto del 24 aprile 2013, registrato dalla Corte dei conti il 4 giugno 2013, registro n. 5, foglio n. 105, con il quale il Ministro dell'Economia e delle Finanze, in applicazione delle disposizioni recate dal citato articolo 8, comma 24, del D.L. n. 16/2012, ha autorizzato l'Agenzia delle dogane e dei monopoli a provvedere all'indizione di una procedura selettiva mediante valutazione di titoli e verifica dei requisiti e delle attitudini professionali integrata da un colloquio, per il reclutamento di, al massimo, 54 unità di personale di qualifica dirigenziale.

Io questo decreto non riesco a trovarlo.
Rispondi

Da: graduatorie10/01/2014 09.37.04
comma 3 dell'art. 4 del decreto legge n. 101/2013 secondo cui fino al 31 dicembre 2015 l'avvio di nuovi concorsi dipenderà da un apposito Dpcm che verrà adottato "verificata l'assenza di graduatorie vigenti […] approvate dal 1° gennaio 2008 relative alle professionalità necessarie anche secondo un criterio di equivalenza".

Alle Dogane sono oltre: questi non solo non usano le graduatorie, ma non badano nemmeno ai concorsi che loro stessi hanno bandito e che stanno espletando (69 posti)!
DA NON CREDERE!

Rispondi

Da: se dirpubblica10/01/2014 09.44.50
apre una sottoscrizione per impugnare, ci saranno adesioni in massa!
La srategia potrebbe essere: presentare domanda, dirpubblica ricorre chiedendo però non l'annullamento dell'intero bando (che forse è quello che vogliono i feudatari) bensì solo delle norme in palese contrasto con il 165 (valutazione titoli). Poi se l'agenzia non prosegue la procedura, dirpublbica dovrebbe aprire una sottoscrizione per una class action risarcitoria verso tutti i candidati. Ovviamente class action verso l'agenzia e IN SOLIDO verso i feudatari. Parallelamente fare un espost alla Cdc pert danno erariale.
La riforma della PA passa solo di qui, non per le scartoffie bassaniniane o le panzane brunettiane, ma introducendo un effettivo principio di responsabilità per feudatari, vassalli, valvassori e valvassini.
Rispondi

Da: concorrentedogane 10/01/2014 10.05.02
ben fatto
Rispondi

Da: aspirantedirigentedoganale 10/01/2014 10.53.57
In quanto esterno non posso che aderire a tale iniziativa, un'impugnativa parziale del bando, se percorribile, sarebbe una bella idea! Andiamo con le adesioni. Pubblicizzate le modalità e gli indirizzi. Smantellare i criteri palesemente illegittimi sui titoli degli interni, potrebbe essere l'inizio per un il ripristino di un minimo di legalità almeno quella formale. Date notizie
Rispondi

Da: laurea10/01/2014 11.18.14
per quanto riguarda la laurea, la nuova versione del 165/2001 pare non richiedere più alcun titolo di studio per l'accesso alla dirigenza tramite concorso, mentre per i conferimenti di incarichi dirigenziali a esterni (art. 19 comma 6) è richiesta necessariamente la laurea quadriennale o quinquennale.
Questo significa che in ogni caso non potranno essere più conferiti incarichi a esterni senza laurea o con laurea triennale, mentre continuano a essere possibili conferimenti di incarichi dirigenziali a dipendenti interni senza laurea (comma 5-bis)?
Rispondi

Da: concorrentedogane 10/01/2014 11.53.56
contatta la DIRPUBBLICA
Rispondi

Da: woo10/01/2014 12.32.55
ragazzi,
ma per studiare i quiz preselettivi, oltre ai "soliti" libri della simone (sempre che servano!) ci sono altri testi?
metteranno quiz online su siti tipo RIPAM?
Mi riferisco in particolare a chi ha sostenuto le altre prove e quindi ha già visto di cosa si tratta...
Rispondi

Da: no10/01/2014 12.44.47
essendo gestiti dalla praxi, non ci sarà l'archivio online.
Rispondi

Da: ?????? 10/01/2014 14.26.05
Ma cosa si intende per altri incarichi professionali?
Rispondi

Da: voglio partecipare10/01/2014 15.43.09

ma sono sicura che mi fregano dieci euri
Rispondi

Da: x woo10/01/2014 17.49.58
proprio pubblicati no, diciamo che saranno informate un centinaio di persone, almeno l'ultima volta è andata così. Quindi alle preselettive ci sono 150 posti liberi per chi vive del suo studio, della sua fatica e del suo sudore. Gli altri, sono per gli amici degli amici.
Rispondi

Da: Aho10/01/2014 22.25.55
Ma che stai a di..........?
Rispondi

Da: Io10/01/2014 22.28.21
Ho partecipato al concorso  per 69 posti e ho passato i quiz semplicemente studiando il codice doganale comunitario e il TUA oltre che codice amministrativo e diritto del lavoro
Rispondi

Da: x laurea10/01/2014 23.25.32
http://www.normattiva.it/uri-res/N2Ls?urn:nir:presidente.repubblica:decreto:2013-04-16;70

   Art. 7


                     Reclutamento dei dirigenti

  1. Al concorso per titoli ed esami di cui all'articolo 28, comma 1,
del decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165, possono essere ammessi
i dipendenti di ruolo  delle  pubbliche  amministrazioni,  muniti  di
laurea, che abbiano compiuto almeno cinque anni di servizio o, se  in
possesso del dottorato di ricerca o del diploma  di  specializzazione
conseguito presso  le  scuole  di  specializzazione  individuate  con
decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri, di concerto con il
Ministro dell'istruzione, dell'universita' e  della  ricerca,  almeno
tre anni di servizio, svolti in posizioni  funzionali  per  l'accesso
alle quali e' richiesto il possesso del dottorato di  ricerca  o  del
diploma di laurea. Per i  dipendenti  delle  amministrazioni  statali
reclutati a seguito di corso-concorso,  il  periodo  di  servizio  e'
ridotto a  quattro  anni.
Rispondi

Da: xmetodo10/01/2014 23.34.46
Cds 14/2014
L'art. 28 del d.lgs. n. 165 del 2001 (recante "Norme generali sull'ordinamento del lavoro alle dipendenze delle amministrazioni pubbliche") dispone che l'accesso alla qualifica di dirigente di ruolo nelle amministrazioni statali, anche ad ordinamento autonomo, e negli enti pubblici non economici avviene esclusivamente a seguito di concorso per esami.
Il terzo comma dello stesso articolo prevede che con regolamento governativo di cui all'articolo 17, comma 1, della legge 23 agosto 1988, n. 400, e successive modificazioni ed integrazioni, sono definiti, sentita la Scuola superiore della pubblica amministrazione, distintamente per i concorsi di cui al lettere a) e b) del comma 2: a) i criteri per la composizione e la nomina delle commissioni esaminatrici;b) le modalità di svolgimento delle selezioni.
L'art. 5 del d.P.R. 24 settembre 2004, n. 272 (recante il Regolamento di disciplina in materia di accesso alla qualifica di dirigente, ai sensi dell'articolo 28, comma 5, del d.lgs. 30 marzo 2001, n. 165), prevede che il concorso pubblico per titoli ed esami consiste nello svolgimento di due prove scritte e di una prova orale. Nel caso di concorsi per l'accesso alla dirigenza tecnica l'amministrazione può prevedere una terza prova scritta obbligatoria, da indicare nel bando di concorso, volta alla verifica dell'attitudine all'esercizio degli specifici compiti connessi al posto da ricoprire.
Rispondi

Da: x carla ruocco e tiziana ciprini11/01/2014 00.15.31
Oggi a mensa correva voce che il grande capo si è mosso con gli amici visco boys rimasti nel PD per far modificare il comma 14 in sede di conversione in modo da lasciare solo il rinvio al 31 dicembre 2014, depennando la frase "Nelle  more possono essere prorogati solo gli incarichi gia' attribuiti ai  sensi del secondo  periodo  del  medesimo  comma  24  dell'articolo  8  del decreto-legge n. 16 del 2012". Il provvedimento di riorganizzazione è del 27/12 ed il grande aro se ne è andato tranquillamente in ferie convinto di sistemare tutto al rientro con i protocolli del 2013. Peccato che il DL del 30 li ha trombati tutti e fino al 28 febbraio vanno avanti come facenti funzione. A me non dispiace così sapranno e capiranno come viviamo noi poveri mortali con 2200 euro al mese. Tra l'altro hanno realizzato un vero spending review
Da F.F. l'agenzia risparmia almeno 2000 euro mensili per ogni incaricato moltiplicato 40 fa almeno 80.000. In un anno è circa un milione di euro. Mica male. Ed un po' di giustizia per tutti noi non guasta. Carla e Tiziana vigilate in sede di conversione affinchè il comma 24 resti così com'è. Ricordatevi che i signori sono gli stessi che delle vostre interrogazioni se ne sono letteralmente fottuti. Chi di spada ferisce ....
Rispondi

Da: metodo11/01/2014 00.23.00
Il decreto del 24 aprile 2013 non è stato pubblicato (un motivo ci sarà se lo tengono nascosto) In tal caso il bando è viziato per rinvio ad relationem a fonte di diritto non pubblica con palese violazione dei principi di trasparenza e pubblicità di cui all'art. 1 della 241. Ergo bando nullo
Rispondi

Da: incredibile siamo finiti in un libro11/01/2014 00.36.05
E' incredibile. Non lo sapevo. Parlano di noi anche in un libro.
CONCORSOPOLI - L'ITALIA DELLE RACCOMANDAZIONI, DEI FAVORITISMI E DEI CONCORSI PUBBLICI TRUCCATI di Antonio Giangrande.

Questo è il capitolo che parla di noi.


ALLA DOGANA IL CONCORSO E' COL TRUCCO.

Dogane, tempesta sul concorso, scrive Monica Zornetta su "L'Espresso". L'ente pubblico lancia un bando per 69 dirigenti, ma poi si scopre che un membro della commissione aveva preparato sui temi dell'esame un gruppo di suoi fedelissimi, escludendo tutti gli altri. E scoppia la polemica. L'Agenzia delle Dogane è un ente di Stato che dipende dal Dipartimento delle Finanze e che nel 2011 ha bandito un concorso per 69 posti da dirigente, tutt'ora in corso di svolgimento, dove il 30 per cento dei posti è riservato a personale già in organico all'Agenzia. La nomina degli otto componenti della commissione giudicatrice avviene il 2 maggio 2012. Due mesi e mezzo dopo uno dei giudicanti, l'alto funzionario Alberto Libeccio, 55 anni, già direttore interregionale dell'Agenzia delle Dogane di Campania e Calabria, inizia un corso di formazione sui procedimenti disciplinari riservato ad alcuni funzionari selezionati. In base alla legge, considerato il potenziale conflitto di interessi cui sarebbe potuto incorrere, il funzionario avrebbe dovuto astenersi: o dalle docenze o dall'incarico di membro della commissione in previsione delle sue lezioni. Eppure non l'ha fatto. Peccato. Perché così facendo avrebbe evitato che la gran parte dei candidati non dipendenti doganali, non campani, non organici alla sua direzione e senza tessera della Uilpa-Pubblica amministrazione in tasca, scorgesse, in questa mancata astensione, una vera e propria violazione della legge. E pensare che il concorso era partito senza troppi intoppi: 8500 le domande presentate, un migliaio i candidati che avevano superato la prova preselettiva nel dicembre 2012, dopo quattro rinvii e a un anno esatto dall'emissione del bando. Le stranezze però, o se si preferisce, le 'coincidenze', hanno cominciato a manifestarsi apertamente in occasione delle due prove scritte: il 9 e il 10 luglio di quest'anno. Le due tracce sorteggiate, infatti, riprendevano pari pari argomenti già studiati o già noti ad alcuni: la prima, "Le sospensioni cautelari dal servizio e il problema della restitutio in integrum retributiva" descriveva proprio quanto enunciato al punto 7 dell'articolata lezione tenuta da Libeccio nell'estate 2012 al corso di formazione. Ad incarico di commissario giudicante già accettato. Il medesimo argomento, peraltro, era stato puntigliosamente approfondito anche dalla UilPa. La seconda traccia, somministrata ai concorrenti il 10 luglio, verteva sul "bunkeraggio delle navi", ossia sulle modalità di gestione dei servizi e delle procedure in un ufficio delle dogane in caso di imbarco di prodotti petroliferi privi di documentazione. Anche qui i soliti maligni hanno voluto vederci lo zampino di Libeccio, considerato che nel giugno 2012, in qualità di direttore interregionale delle Dogane della Campania, aveva affrontato un caso del tutto analogo nel porto di Napoli. La medesima vicenda era divenuta oggetto anche di due circolari interne - la numero 4 e la numero 5 del 2012 - emanate proprio dalla Direzione Interregionale della Campania: in esse il direttore Libeccio dava specifiche disposizioni ai suoi circa la trattazione della problematica del bunkeraggio" adoperando quella stessa terminologia che successivamente sarebbe andata a comporre la seconda traccia del concorso. E' quindi facile immaginare che al momento delle prove scritte qualche aspirante dirigente interno all'Agenzia conoscesse piuttosto bene l'argomento della traccia, così da risultare avvantaggiato nello svolgimento delle prove rispetto agli altri candidati. Si tratta solo di casualità? Sarà. Tuttavia sono in molti a non esserne convinti. Per capirlo basta dare un'occhiata alle 176 pagine del forum di Mininterno.net dove diverse centinaia di interventi si susseguono con un denominatore comune: la delusione per la gestione secondo loro non trasparente di un concorso che dovrebbe selezionare i futuri manager di questo ente strategico per la tutela dell'economia nazionale. Nel luglio scorso, pochi giorni dopo le prove scritte, c'è stato chi ha informato governo e Parlamento su tali temi specifici e tra le righe di una interrogazione (3-00219) ha chiesto lumi al ministero dell'Economia e delle Finanze. Ma l'atto, che ha come prima firmataria l'onorevole napoletana Carla Ruocco (M5S), nonostante un sollecito presentato il 20 agosto, ad oggi non ha avuto risposta. «Della questione si sta occupando l'amministrazione centrale del personale. Io non ho niente da dire, tranne che sono tranquillo. Come sempre, d'altro canto», risponde alle accuse il dottor Libeccio. Il sottosegretario Alberto Giorgetti, che al ministero dell'Economia e delle Finanze ha la delega alle Dogane, interpellato telefonicamente per avere ragguagli sui tempi della replica all'interrogazione della Ruocco e sul conflitto di interessi del super dirigente/commissario d'esame, ha fornito una sola imbarazzata risposta: «Verificheremo questa cosa».
Rispondi

Da: incredibile siamo finiti in un libro11/01/2014 00.36.46
Per chi ne vuole sapere di più:

http://www.ingiustizia.info/libro%20concorsi.htm
Rispondi

Da: manuali11/01/2014 18.23.24
quali testi usate?
Rispondi

Da: franceval3 11/01/2014 23.18.57
Sto vedendo il testo di diritto amministrativo ed. Simone ma lo trovo davvero riduttivo. Voi che ne pensate?
Rispondi

Da: mark6912/01/2014 08.26.16
ma solitamente i neo-dirigenti in periferia vengono assegnati agli Uffici Dogane o agli Uffici delle Direzioni Regionali/Interregionali?

quali sono le principali differenze tra i due tipi di incarichi?
Rispondi

Da: studente33312/01/2014 13.49.23
manuale simone omnicomprensivo? si temo sia riduttivo
Rispondi

Pagina: 1, 2, 3, 4, 5, 6, 7, 8, 9, 10, 11, ..., 216, 217, 218, 219, 220, 221 - Successiva >>


Aggiungi la tua risposta alla discussione!

Il tuo nome
Testo della risposta
Aggiungi risposta
 
Avvisami per e-mail quando qualcuno scrive altri messaggi
  (funzionalità disponibile solo per gli utenti registrati)