>Concorsi
>Forum
>Bandi
 
 
 
 
  Login |  Registrati 
Elenco in ordine alfabetico delle domande di Diritto civile #1

Seleziona l'iniziale:
A   B   C   D   E   F   G   H   I   J   K   L   M   N   O   P   Q   R   S   T   U   V   W   X   Y   Z  

> Clicca qui per scaricare l'elenco completo delle domande di questo argomento in formato Word!


A NORMA DEL CODICE CIVILE, I CONTRATTI ALEATORI POSSONO ESSERE RESCISSI PER CAUSA DI LESIONE?   NO
A NORMA DEL CODICE CIVILE, IL CONTRATTO DI LOCAZIONE E' ATTO ECCEDENTE L'ORDINARIA AMMINISTRAZIONE:   QUANDO E' STIPULATO PER UNA DURATA SUPERIORE A NOVE ANNI
A NORMA DEL CODICE CIVILE, IL DIRITTO DELL'ENFITEUTA E' TRASFERIBILE PER ATTO TRA VIVI?   SI', SALVO CHE L'ATTO COSTITUTIVO NON LO VIETI
A NORMA DEL CODICE CIVILE, LA FORMA E' CONSIDERATA REQUISITO ESSENZIALE DEL CONTRATTO:   SOLO SE RISULTA PRESCRITTA DALLA LEGGE SOTTO PENA DI NULLITA'
A NORMA DEL CODICE CIVILE, L'APPALTATORE:   NON PUO' DARE IN SUBAPPALTO IL SERVIZIO SE NON E' STATO AUTORIZZATO DAL COMMITTENTE
A NORMA DEL CODICE CIVILE, L'ENFITEUTA PUO' DISPORRE DEL PROPRIO DIRITTO?   SI', PER ATTO TRA VIVI O PER ATTO DI ULTIMA VOLONTA'
A NORMA DEL CODICE CIVILE, L'ISCRIZIONE DELL'IPOTECA SU BENI IMMOBILI CONSERVA IL SUO EFFETTO:   PER VENTI ANNI DALLA SUA DATA
A NORMA DEL CODICE CIVILE, L'OGGETTO DEL CONTRATTO DEVE NECESSARIAMENTE ESSERE:   POSSIBILE, LECITO, DETERMINATO O DETERMINABILE
A NORMA DEL CODICE CIVILE, QUALI SONO I VIZI DEL CONSENSO CHE POSSONO INFICIARE LA VALIDA CONCLUSIONE DI UN CONTRATTO?   ERRORE, VIOLENZA E DOLO
A NORMA DEL CODICE CIVILE, SONO CAPACI DI IPOTECA, TRA L'ALTRO:   GLI AUTOVEICOLI
A QUALI OBBLIGHI E' TENUTO IL TERZO AL QUALE SIA IMPUTABILE LA NULLITA' DEL MATRIMONIO?   A CORRISPONDERE UNA CONGRUA INDENNITA' AL CONIUGE IN BUONA FEDE
AI FINI DELLA COSTITUZIONE IN MORA DEL CREDITORE, IN QUALE, TRA I SEGUENTI CASI, IL DEBITORE NON E' TENUTO ALL'OFFERTA REALE:   SE L'OBBLIGAZIONE HA PER OGGETTO UN IMMOBILE
AI FINI DELLA DICHIARAZIONE GIUDIZIALE DI PATERNITA' O MATERNITA', COME PUO' ESSERE DATA LA PROVA DELLA PATERNITA' O MATERNITA'?   CON OGNI MEZZO
AI FINI DELL'APPLICAZIONE DELLA DISCIPLINA RELATIVA AI CONTRATTI DEI CONSUMATORI, NELLA NOZIONE DI CONSUMATORE RIENTRANO, SE IN POSSESSO DEI REQUISITI DI LEGGE:   LE SOLE PERSONE FISICHE
AI SENSI DEGLI ARTICOLI 1 E 2 DELLA LEGGE N. 633 DEL 1941, QUALI BANCHE DATI SONO PROTETTE A NORMA DEL DIRITTO D'AUTORE?   SOLO QUELLE CHE, PER LA SCELTA E LA DISPOSIZIONE DEL MATERIALE, COSTITUISCONO UNA CREAZIONE INTELLETTUALE DELL'AUTORE
AI SENSI DEL CODICE CIVILE, E' AMMESSA LA COSTITUZIONE DI UN'ENFITEUSI DI DURATA INFERIORE A VENTI ANNI?   NO, IN NESSUN CASO
AI SENSI DEL CODICE CIVILE, IL CONDOMINO DISSENZIENTE RISPETTO ALLA LITE PROMOSSA DAL CONDOMINIO, IN CASO DI SOCCOMBENZA:   HA DIRITTO DI RIVALSA PER CIO' CHE HA PAGATO ALLA PARTE VITTORIOSA
AI SENSI DEL CODICE CIVILE, LA STIPULAZIONE DI UN CONTRATTO A FAVORE DI TERZO E' VALIDA QUALORA:   LO STIPULANTE VI ABBIA INTERESSE
AI SENSI DEL CODICE CIVILE, L'ATTO CHE ESORBITA DAL MANDATO:   RESTA A CARICO DEL MANDATARIO, SE IL MANDANTE NON LO RATIFICA
AI SENSI DEL CODICE CIVILE, LE CLAUSOLE CONTRATTUALI CHE STABILISCONO CHE IL PREZZO DEI BENI O SERVIZI SIA DETERMINATO AL MOMENTO DELLA CONSEGNA O DELLA PRESTAZIONE:   SI PRESUMONO VESSATORIE SINO A PROVA CONTRARIA
AI SENSI DEL CODICE CIVILE, L'ENFITEUSI PUO' AVERE DURATA TEMPORANEA?   SI', MA LA DURATA NON PUO' ESSERE INFERIORE AI VENTI ANNI
AI SENSI DEL CODICE CIVILE, PER LA VALIDA COSTITUZIONE DI UN COMITATO:   NON E' PREVISTO ALCUN REQUISITO DI FORMA
AI SENSI DEL CODICE CIVILE, SALVO DIVERSE DISPOSIZIONI DI LEGGE, LE NORME CHE REGOLANO I CONTRATTI SI OSSERVANO, SE COMPATIBILI:   PER GLI ATTI UNILATERALI TRA VIVI AVENTI CONTENUTO PATRIMONIALE
AI SENSI DEL CODICE CIVILE, SE LA COSA LEGATA E' GRAVATA DA UNA SERVITU', IL RELATIVO PESO E' SOPPORTATO:   DAL LEGATARIO
AI SENSI DEL CODICE CIVILE, UNA PERSONA CHE HA COMPIUTO SETTANTA ANNI PUO' ADOTTARE UNA PERSONA DI CINQUANTA ANNI?   SI', SE RICORRONO GLI ALTRI PRESUPPOSTI DI LEGGE
AI SENSI DEL DECRETO LEGISLATIVO N. 196 DEL 2003, I DATI CHE IN ORIGINE O A SEGUITO DI TRATTAMENTO, NON POSSONO ESSERE ASSOCIATI A UN INTERESSATO IDENTIFICATO O IDENTIFICABILE, SONO DEFINITI:   DATI ANONIMI
AI SENSI DEL DECRETO LEGISLATIVO N. 196 DEL 2003, I DATI PERSONALI OGGETTO DI TRATTAMENTO DEVONO ESSERE, TRA L'ALTRO:   ESATTI E, SE NECESSARIO, AGGIORNATI
AI SENSI DEL DECRETO LEGISLATIVO N. 196 DEL 2003, LA PERSONA FISICA AUTORIZZATA DAL TITOLARE A COMPIERE OPERAZIONI DI TRATTAMENTO DEI DATI E' DEFINITA:   INCARICATO
AI SENSI DEL DECRETO LEGISLATIVO N. 196 DEL 2003, LE PERSONE GIURIDICHE POSSONO ESSERE CONSIDERATE "TITOLARI" IN RELAZIONE AL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI?   SI', IN OGNI CASO
AI SENSI DEL DECRETO LEGISLATIVO N. 196 DEL 2003, L'INTERESSATO PUO' OPPORSI AL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI CHE LO RIGUARDANO, ANCORCHE' PERTINENTI ALLO SCOPO DELLA RACCOLTA?   SI', PER MOTIVI LEGITTIMI
AI SENSI DEL DECRETO LEGISLATIVO N. 196 DEL 2003, L'INTERESSATO PUO' OPPORSI AL TRATTAMENTO DI DATI PERSONALI CHE LO RIGUARDANO, PREVISTO AI FINI DI INVIO DI MATERIALE PUBBLICITARIO?   SI', IN TUTTO O IN PARTE
AI SENSI DEL DECRETO LEGISLATIVO N. 196 DEL 2003, QUALI, TRA I SEGUENTI DATI PERSONALI, SONO ESPRESSAMENTE CONSIDERATI "DATI SENSIBILI"?   I DATI IDONEI A RIVELARE LO STATO DI SALUTE
AI SENSI DEL DECRETO LEGISLATIVO N. 196 DEL 2003, QUALUNQUE TRATTAMENTO DI DATI PERSONALI DA PARTE DI SOGGETTI PUBBLICI E' CONSENTITO:   SOLTANTO PER LO SVOLGIMENTO DELLE FUNZIONI ISTITUZIONALI
AI SENSI DEL DECRETO LEGISLATIVO N. 196 DEL 2003, QUANDO IL TRATTAMENTO E' NECESSARIO PER LA SALVAGUARDIA DELLA VITA DI UN TERZO, I PRIVATI POSSONO TRATTARE I DATI SENSIBILI:   ANCHE SENZA CONSENSO, PREVIA AUTORIZZAZIONE DEL GARANTE
AI SENSI DEL DECRETO LEGISLATIVO N. 196 DEL 2003, UNA ASSOCIAZIONE PUO' ESSERE CONSIDERATA SOGGETTO "INTERESSATO" IN RELAZIONE AL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI?   SI', ANCHE SE NON RICONOSCIUTA
AI SENSI DELLA LEGGE N. 184 DEL 1983, CHI HA LA FACOLTA' DI SEGNALARE ALL'AUTORITA' PUBBLICA SITUAZIONI DI ABBANDONO DI MINORI DI ETA'?   CHIUNQUE
AI SENSI DELLA LEGGE N. 184 DEL 1983, IL MINORE CHE HA COMPIUTO I QUATTORDICI ANNI PUO' ESSERE ADOTTATO, DI REGOLA:   SE, DICHIARATO IN STATO DI ADOTTABILITA', HA PRESTATO IL PROPRIO CONSENSO
AI SENSI DELLA LEGGE N. 184 DEL 1983, IL TRIBUNALE PER I MINORENNI PUO' REVOCARE IL PROVVEDIMENTO DI AFFIDAMENTO PREADOTTIVO?   SI', QUANDO VENGANO ACCERTATE DIFFICOLTA' DI CONVIVENZA RITENUTE NON SUPERABILI
AI SENSI DELLA LEGGE N. 184 DEL 1983, LE INFORMAZIONI CONCERNENTI L'IDENTITA' DEI GENITORI BIOLOGICI POSSONO ESSERE FORNITE AI GENITORI ADOTTIVI?   SI', PREVIA AUTORIZZAZIONE DEL TRIBUNALE E SOLO SE SUSSISTONO GRAVI E COMPROVATI MOTIVI
AI SENSI DELLA LEGGE N. 184 DEL 1983, L'ETA' DEGLI ADOTTANTI DEVE SUPERARE L'ETA' DELL'ADOTTANDO:   DI ALMENO DICIOTTO E DI NON PIU' DI QUARANTACINQUE ANNI, SALVE LE DEROGHE PREVISTE DALLA LEGGE
AI SENSI DELLA LEGGE N. 633 DEL 1941, ANCHE I PROGRAMMI PER ELABORATORE SONO CONSIDERATI "OPERE PROTETTE"?   SI', IN QUALSIASI FORMA ESPRESSI, PURCHE' ORIGINALI QUALE RISULTATO DI CREAZIONE INTELLETTUALE
AI SENSI DELLA LEGGE N. 633 DEL 1941, CHI E' IL TITOLARE DEL DIRITTO ESCLUSIVO DI UTILIZZAZIONE ECONOMICA DEL PROGRAMMA PER ELABORATORE CREATO DAL LAVORATORE DIPENDENTE NELL'ESERCIZIO DELLE SUE MANSIONI?   IL DATORE DI LAVORO, SALVO PATTO CONTRARIO
AI SENSI DELLA LEGGE N. 633 DEL 1941, COME E' DEFINITO "CHI EFFETTUA INVESTIMENTI RILEVANTI PER LA COSTITUZIONE DI UNA BANCA DATI O PER LA SUA VERIFICA O LA SUA PRESENTAZIONE, IMPIEGANDO, A TAL FINE, MEZZI FINANZIARI, TEMPO E LAVORO" ?   COSTITUTORE
AI SENSI DELLA LEGGE N. 633 DEL 1941, E' TUTELATO IL COSTITUTORE DI UNA BANCA DATI CHE NON SIA QUALIFICABILE COME CREAZIONE INTELLETTUALE?   SI', EGLI HA IL DIRITTO DI VIETARE L'ESTRAZIONE O IL REIMPIEGO DELLA TOTALITA' O DI PARTE SOSTANZIALE DELLA BANCA DATI
AI SENSI DELLA LEGGE N. 633 DEL 1941, I DIRITTI DI UTILIZZAZIONE ECONOMICA DELL'OPERA DURANO, DI REGOLA:   TUTTA LA VITA DELL'AUTORE E FINO AL TERMINE DEL SETTANTESIMO ANNO SOLARE DOPO LA SUA MORTE
AI SENSI DELLA LEGGE N. 633 DEL 1941, IL DIRITTO ESCLUSIVO DEL COSTITUTORE DELLA BANCA DATI SI ESTINGUE TRASCORSI QUINDICI ANNI:   DAL 1° GENNAIO DELL'ANNO SUCCESSIVO ALLA DATA DEL COMPLETAMENTO DELLA BANCA DATI
AI SENSI DELLA LEGGE N. 633 DEL 1941, IL DIRITTO MORALE D'AUTORE E' ALIENABILE?   NO, IN NESSUN CASO
AI SENSI DELLA LEGGE N. 633 DEL 1941, IL RITRATTO DI UNA PERSONA PUO' ESSERE ESPOSTO, RIPRODOTTO O MESSO IN COMMERCIO SENZA IL CONSENSO DELLA PERSONA RITRATTA?   NO, SALVO LE ECCEZIONI PREVISTE DALLA LEGGE
AI SENSI DELLA LEGGE N. 633 DEL 1941, IL TITOLO ORIGINARIO DELL'ACQUISTO DEL DIRITTO D'AUTORE E' COSTITUITO:   DALLA CREAZIONE DELL'OPERA
AI SENSI DELLA LEGGE N. 633 DEL 1941, IL TRASFERIMENTO "INTER VIVOS" DEI DIRITTI DI UTILIZZAZIONE ECONOMICA RICHIEDE UNA PARTICOLARE FORMA?   SI', LA FORMA SCRITTA "AD PROBATIONEM"
AI SENSI DELLA LEGGE N. 633 DEL 1941, L'AUTORE DI UN'OPERA ANONIMA O PSEUDONIMA HA IL DIRITTO DI RIVELARSI E DI FAR CONOSCERE IN GIUDIZIO LA SUA QUALITA' DI AUTORE?   SI', SEMPRE
AI SENSI DELLA LEGGE N. 898 DEL 1970, IL GIUDICE PRONUNCIA LO SCIOGLIMENTO DEL MATRIMONIO CONTRATTO A NORMA DEL CODICE CIVILE:   QUANDO E' VENUTA MENO LA COMUNIONE MATERIALE E SPIRITUALE FRA I CONIUGI, NEI CASI TASSATIVAMENTE PREVISTI "EX LEGE"
AI SENSI DELLA LEGGE N. 898 DEL 1970, IL TRIBUNALE PUO' ESCLUDERE LA PREVISIONE DI CRITERI PER L'ADEGUAMENTO AUTOMATICO DELL'ASSEGNO DIVORZILE?   SI', IN CASO DI PALESE INIQUITA' E CON DECISIONE MOTIVATA
AI SENSI DELLA LEGGE N. 898 DEL 1970, LA CORRESPONSIONE DELL'ASSEGNO DIVORZILE PUO' AVVENIRE IN UNICA SOLUZIONE?   SI', SU ACCORDO DELLE PARTI E SE IL TRIBUNALE LA RITENGA EQUA
AI SENSI DELLA LEGGE N. 898 DEL 1970, LA MISURA DELL'ASSEGNO DIVORZILE PUO' ESSERE MODIFICATA?   SI', SE SOPRAVVENGONO GIUSTIFICATI MOTIVI
AI SENSI DELL'ARTICOLO 1321 DEL CODICE CIVILE, CON IL CONTRATTO LE PARTI COSTITUISCONO, REGOLANO O ESTINGUONO:   UN RAPPORTO GIURIDICO PATRIMONIALE
AI SENSI DELL'ARTICOLO 16 DEL DECRETO LEGISLATIVO N. 196 DEL 2003, IN CASO DI CESSAZIONE DEL TRATTAMENTO, I DATI POSSONO ESSERE CEDUTI AD ALTRO TITOLARE?   SI', PER SCOPI STORICI, STATISTICI O SCIENTIFICI
AI SENSI DELL'ARTICOLO 20 DEL CODICE CIVILE, LA CONVOCAZIONE DELL'ASSEMBLEA DI UN'ASSOCIAZIONE RICONOSCIUTA PUO' ESSERE ORDINATA DAL PRESIDENTE DEL TRIBUNALE?   SI', MA SOLO SE GLI AMMINISTRATORI NON ABBIANO PROVVEDUTO ALLA CONVOCAZIONE RICHIESTA DA ALMENO UN DECIMO DEGLI ASSOCIATI
AI SENSI DELL'ARTICOLO 24 DEL CODICE CIVILE, L'ASSOCIATO CHE SIA STATO ESCLUSO DALL'ASSOCIAZIONE PUO' RICORRERE ALL'AUTORITA' GIUDIZIARIA:   ENTRO SEI MESI DAL GIORNO IN CUI GLI E' STATA NOTIFICATA LA DELIBERA DI ESCLUSIONE
AI SENSI DELL'ARTICOLO 253 DEL CODICE CIVILE, E' AMMESSO UN RICONOSCIMENTO DEL FIGLIO NATURALE IN CONTRASTO CON LO STATO DI FIGLIO LEGITTIMO O LEGITTIMATO IN CUI LA PERSONA SI TROVA?   NO, IN NESSUN CASO
AI SENSI DELL'ARTICOLO 26 DEL DECRETO LEGISLATIVO N. 196 DEL 2003, I PRIVATI POSSONO TRATTARE DATI SENSIBILI, DI REGOLA:   CON IL CONSENSO SCRITTO DELL'INTERESSATO E PREVIA AUTORIZZAZIONE DEL GARANTE
AI SENSI DELL'ARTICOLO 315 DEL CODICE CIVILE, IL FIGLIO DEVE CONTRIBUIRE AL MANTENIMENTO DELLA FAMIGLIA?   SI', IN RELAZIONE ALLE PROPRIE SOSTANZE E AL PROPRIO REDDITO, FINCHE' CONVIVE CON ESSA
AI SENSI DELL'ARTICOLO 316 DEL CODICE CIVILE, IN CASO DI CONTRASTO PERMANENTE FRA I GENITORI SULL'ESERCIZIO DELLA POTESTA', IL GIUDICE ATTRIBUISCE IL POTERE DI DECISIONE:   AL GENITORE CHE, NEL SINGOLO CASO, RITIENE IL PIU' IDONEO A CURARE L'INTERESSE DEL FIGLIO
AI SENSI DELL'ARTICOLO 324 DEL CODICE CIVILE, IN CASO DI USUFRUTTO LEGALE DEI GENITORI SUI BENI DEI FIGLI MINORI, I FRUTTI PERCEPITI SONO DESTINATI:   AL MANTENIMENTO DELLA FAMIGLIA E ALL'ISTRUZIONE ED EDUCAZIONE DEI FIGLI
AI SENSI DELL'ARTICOLO 360 DEL CODICE CIVILE, IL PROTUTORE:   RAPPRESENTA IL MINORE NEI CASI IN CUI L'INTERESSE DI QUESTO SIA IN OPPOSIZIONE CON L'INTERESSE DEL TUTORE
AI SENSI DELL'ARTICOLO 37 DEL CODICE CIVILE, UN MEMBRO DI UNA ASSOCIAZIONE NON RICONOSCIUTA PUO' CHIEDERE LA DIVISIONE DEL FONDO COMUNE?   NO, FINCHE' DURA L'ASSOCIAZIONE
AI SENSI DELL'ARTICOLO 37 DEL DECRETO LEGISLATIVO N. 196 DEL 2003, SE IL TRATTAMENTO RIGUARDA DATI SENSIBILI UTILIZZATI PER SONDAGGI DI OPINIONE:   IL TITOLARE DEVE NOTIFICARE AL GARANTE IL TRATTAMENTO CUI INTENDE PROCEDERE
AI SENSI DELL'ARTICOLO 410 DEL CODICE CIVILE, NELLO SVOLGIMENTO DEI SUOI COMPITI L'AMMINISTRATORE DI SOSTEGNO DEVE TENER CONTO:   DEI BISOGNI E DELLE ASPIRAZIONI DEL BENEFICIARIO
AI SENSI DELL'ARTICOLO 428 DEL CODICE CIVILE, QUANDO SI PRESCRIVE L'AZIONE DI ANNULLAMENTO DELL'ATTO COMPIUTO DALL'INCAPACE NATURALE?   ENTRO CINQUE ANNI DAL GIORNO IN CUI L'ATTO E' STATO COMPIUTO
AI SENSI DELL'ARTICOLO 439 DEL CODICE CIVILE, TRA FRATELLI E SORELLE GLI ALIMENTI SONO DOVUTI:   NELLA MISURA DELLO STRETTO NECESSARIO
AI SENSI DELL'ARTICOLO 770 DEL CODICE CIVILE, NON COSTITUISCE DONAZIONE:   LA LIBERALITA' CHE SI SUOLE FARE PER SERVIZI RESI O COMUNQUE IN CONFORMITA' AGLI USI
ALLA DIVISIONE DELLE COSE COMUNI SI APPLICANO:   LE NORME SULLA DIVISIONE DELL'EREDITA', IN QUANTO NON SIANO IN CONTRASTO CON QUELLE CHE LA DISCIPLINANO ESPRESSAMENTE